<img class="j-retina-img" src="/Skin/Img/Common/blq.png" alt="BLQ - Aeroporto di Bologna" />
 >  > 
Si avvicina la conclusione dell’Emilia Romagna Festival di quest’anno. Come penultimo appuntamento, venerdì 8 settembre presso la peculiare location della Business Lounge dell’Aeroporto Guglielmo Marconi di Bologna, alle ore 18.00, si esibirà l’Ebonit Saxophone Quartet, un brillante quartetto di sassofoni, ciliegina sulla torta della rassegna “Primo Premio!”, dedicata ai giovani talenti premiati ai migliori e più recenti concorsi internazionali. Il concerto rientra negli appuntamenti del Marconi Music Festival, la prima stagione musicale dell’Aeroporto Marconi di Bologna, in corso fino al 21 dicembre 2017.

L’Emilia Romagna Festival è un instancabile setaccio di talenti. Tra le sue maglie, come ultimo appuntamento della rassegna “Primo Premio!”, dedicata ai talenti emergenti, è rimasto impigliato l’Ebonit Saxophone Quartet come una pagliuzza d’oro. Secondo Premio ex-aequo al Concorso Internazionale di Musica da Camera Salieri-Zinetti 2016, l’Ebonit Saxophone Quartet si presenta subito come un qualcosa di ardua definizione, cominciando dal nome apparentemente esotico. “Ebonit”, cioè l’ebanite: niente di misterioso. L’ebanite è quella sostanza durissima che si ottiene dalla vulcanizzazione di alcune gomme particolari. Nota appunto come “gomma dura”, è il sostituto artificiale dell’ebano ed è usata moltissimo: nelle palle da bowling, ad esempio, o nelle imboccature dei sassofoni. Presto spiegato il mistero: un quartetto di sassofoni dalle imboccature di ebanite.

Un quartetto di sassofoni sarebbe istintivamente associato alla musica jazz. Altra sorpresa: l’Ebonit Saxophone Quartet è un gruppo spumeggiante specializzato in musica da camera. Per il concerto alla Business Lounge dell’Aeroporto di Bologna, ad esempio, presenta un programma con brani di Mozart, Debussy e Dvořák, tutti arrangiati dal gruppo nel proprio stile frizzante. Fondato nel 2011 presso il Conservatorio di Musica di Amsterdam, i quattro musicisti che lo compongono provengono dalla Polonia, dai Paesi Bassi e dalla Germania e si sono rapidamente fatti un nome nei Paesi Bassi e all'estero. Seppur giovane e composto da giovani, l’Ebonit Saxophone Quartet si è già esibito in numerosi concorsi internazionali come il World Saxophone Congress di St. Andrews (Scozia), il Grachtenfestival di Amsterdam, il Festival di Bach a Dordrecht (Paesi Bassi), il Bachtage di Würzburg (Germania).

Vincitore di numerosi concorsi internazionali, tra cui il suddetto “Salieri-Zinetti” del 2016, il loro album di debutto "Le ultime parole di Cristo", con musica di Haydn, Webern, Sibelius e Shostakovich, è stato pubblicato nel febbraio 2016 su CHALLENGE Classics ed è stato nominato per il premio olandese "Edison Klassiek 2016" nella categoria "Het Debuut”. Una ciliegina per la rassegna “Primo Premio!”, dunque, e una bella occasione per il pubblico dell’Emilia Romagna Festival per apprezzare, attraverso l’arrangiamento di brani famosi, le virtù spavalde della giovinezza (e la funzionalità dell’ebanite).
Ingresso con prenotazione obbligatoria sul sito www.erfestival.org oppure telefonica a ERF 0542 25747.

MyBLQ

News

Servizi disponibili