Le nostre attività

La certificazione ambientale

Il nostro Sistema di Gestione Ambientale (SGA) è conforme agli standard previsti dalla normativa ISO EN-UNI 14001, a garanzia di efficacia delle misure intraprese nel campo della tutela ambientale. Come aeroporto sappiamo che costruire rapporti di fiducia con il territorio e gli altri soggetti aeroportuali significa parlare una lingua comune, basata su dati certi e condivisi. Il nostro SGA prevede quindi la misurazione degli impatti ambientali generati dalle attività aeroportuali ed aeronautiche (tra cui rumore, qualità delle acque, consumi energetici, rifiuti), utilizzando indicatori numerici in grado di quantificare l'entità degli impatti stessi. Inoltre, lo stesso SGA include l'adozione di diverse procedure interne atte a garantire l'attuazione di adeguate azioni preventive e correttive in caso di potenziale o effettivo insorgere di impatti ambientali significativi.

L'impatto acustico

Il rumore è senza dubbio l'aspetto ambientale di origine aeronautica maggiormente critico per il territorio circostante. Come gestore aeroportuale è quindi nostro preciso impegno il monitoraggio costante del rumore, e il continuo dialogo con le Autorità preposte alla regolamentazione dell'attività aeronautica civile e alla gestione del traffico aereo, proponendo l'adozione di misure idonee a limitare il rumore aeroportuale.

Lotta al cambiamento climatico

L'aeroporto di Bologna è attivo da anni nel campo dell'efficientamento energetico, ed impegnato in diverse iniziative specifiche nel campo della gestione energetica e riduzione della carbon footprint.

I numerosi interventi tecnologici attuati nel periodo pluriennale 2001 - 2012 hanno consentito di minimizzare l'aumento di fabbisogno energetico conseguito al significativo ampliamento infrastrutturale ed aumento di traffico aereo (Allungamento pista di volo, Terzo Lotto, Area 2). I consumi per riscaldamento sono infatti risultati invariati, mentre i consumi di energia elettrica hanno subito un incremento di circa il 10%. In termini relativi, i consumi energetici per unità di traffico sono diminuiti del 30%.

La partecipazione al programma Airport Carbon Accreditation

Per garantire la corretta e completa gestione energetica, SAB ha implementato un sistema di gestione delle emissioni di CO2 (CMP - carbon management plan), validato dall'organismo indipendente di certificazione CERMET, basato sull'adozione di standard riconosciuti a livello internazionale (GHG Protocol, UNI ISO14064) che, integrato con gli altri sistemi di gestione (ISO 9001 e ISO14001), consente di controllare le emissioni di CO2 nell'ottica del miglioramento continuo. Quale riconoscimento dei risultati conseguiti e della capacità di fare efficienza, ACI-Europe (Airport Council International) ha riconosciuto all'aeroporto di Bologna l'accreditamento Airport Carbon Accreditation - Livello 2 "Reduction", nell'ambito dello schema internazionale di certificazione cui aderiscono altri importanti aeroporti europei ed asiatici.

La partecipazione al progetto europeo D-AIR: Clean Airports Decarbonated Regions

La corretta gestione energetica non può prescindere dall'impegno continuo nell'ampliare le proprie conoscenze e competenze sulle opportunità di innovazione nel settore tecnologico e dei sistemi di inserimento territoriale dell'aeroporto nel contesto esistente. Per tale ragione, l'Aeroporto Marconi partecipa insieme con la Provincia di Bologna, al progetto europeo D-AIR "Clean airport Decarbonated Regions" sviluppato nell'abito del programma di cooperazione territoriale INTERREG-IVC. Quest'ultimo ha l’obiettivo di migliorare l’efficacia delle politiche di sviluppo regionale in ambiti quali l’innovazione, l’economia della conoscenza, l’ambiente e la prevenzione dei rischi e di contribuire alla modernizzazione e alla competitività dell’Europa attraverso lo scambio e la condivisione di buone prassi maturate dalle autorità locali e regionali europee.

Il progetto D-AIR ha l'obiettivo di fornire ai partners (oltre a Bologna, anche Mazovia Region, Swedavia, City of Leipzig, Eindhoven airport, Transport Malta, Mitteldeutsche Airport Holding, El Prat de Llobregat) supporto economico per studi scientifici atti ad individuare azioni innovative di riduzione della CO2 prodotta dalle operazioni aeroportuali e dal traffico generato/attratto dallo scalo. Inoltre, il progetto prevede lo svolgimento di visite studio presso tutti i partner per rafforzare la condivisione delle conoscenze ed esperienze maturate.

Il sistema di gestione per l'energia (SGE)

Per migliorare le nostre capacità di salvaguardare le risorse energetiche, abbiamo implementato il sistema di gestione dell'energia (SGE) conforme agli standard previsti dalla norma ISO 50001. Per lo svolgimento del programma l'aeroporto ha usufruito del supporto tecnico di T-ZERO, che ha ottenuto il cofinanziamento del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare sulla base del bando 2011 dedicato alla realizzazione di iniziative e interventi in materia ambientale finalizzate alla riduzione delle emissioni di gas serra (tematica: Energie rinnovabili ed Efficienza Energetica).
L’aeroporto di Bologna è uno dei pochissimi aeroporti in Italia ad essere muniti, al momento, di un SGE.

Acqua

Complessi sistemi di raccolta e distribuzione delle acque servono l'aeroporto. Da anni abbiamo intrapreso una politica di risparmio delle risorse idriche attraverso un programma rigoroso di tutela e prevenzione.

Svolgiamo un'accurata campagna di monitoraggio periodico della qualità delle acque, in ottemperanza ai provvedimenti di autorizzazione allo scarico, in collaborazione con laboratori chimici certificati; i rilievi della qualità delle acque sono inoltre gestiti secondo particolari procedure previste dalla certificazione ambientale e i risultati delle analisi chimiche sono condivisi con ARPA.